Blog Post

Qual è il miele migliore? Come riconoscere quello di qualità

Naturale, sano e delizioso: il miele è noto con il soprannome di oro liquido. I suoi colori vanno dallo champagne al caramello fino al marrone chiaro lucido, e ognuno è diverso dall’altro, soprattutto se si confrontano diverse varietà e produttori. Ma quale delle tante varianti è la migliore?

In generale, per il miele si applicano rigide norme UE:

  • Deve essere naturale, quindi non deve essere elaborato.
  • Non deve contenere conservanti.
  • Sapori, sciroppi e residui di antibiotici (per le api mellifere) sono tabù.

Solo il miele che soddisfa questi standard può essere venduto come tale nell’UE. Altrimenti, può essere dichiarato solo miele cotto e utilizzato in altri alimenti. Tuttavia, ciò non significa che ogni miele nell’UE sia ugualmente buono, soprattutto se confrontiamo il miele lavorato industrialmente e quello proveniente da una piccola apicoltura.

Consigli per voi:

[metaslider id=”55627″]

Il buon miele è stagionale

Mentre le grandi industrie usano il miele immagazzinato tutto l’anno i piccoli apiari fanno affidamento sul miele come prodotto stagionale. Esattamente qui sta il punto critico: il miele conserva il suo colore, odore e sapore originali per circa un anno. Dopo di che perde la sua intensità e queste caratteristiche di qualità svaniscono.

I piccoli apicoltori producono il loro miele tra marzo e giugno, lo filtrano e lo lasciano riposare per circa un mese per poter raccogliere anche piccole briciole di cera d’api. Il miele viene quindi venduto in autunno e in inverno ed è considerato invariato e fresco. Le grandi aziende invece conservano il loro miele più a lungo per vendere il loro prodotto anche in primavera e in estate. Come consumatore la differenza a livello di gusto e olfatto si sente.

Il miglior miele è quello fresco

L’età del miele è principalmente legata ai cristalli di zucchero che si formano sulla superficie, un processo naturale che non deve destare preoccupazioni ma che dimostra che il vasetto è stato conservato per lungo tempo. Con il passare dei mesi cambia anche il colore e si modifica il gusto (diventa meno intenso). Quindi, più giovane è il miele, più fresco è – e più saporito. E’ bene poi ricordare che il miele di qualità proviene dai piccoli apicoltori e dalle fattorie che allevano con amore le api e offrono questo prezioso oro liquido stagionalmente.

 

Articoli correlati

Articoli correlati

Olio d’oliva: origini e storia dell’“oro verde”

Conosci le origini dell’olio d’oliva? L’olio d’oliva è un’eccellenza italiana riconosciuta in...

Spezie in cucina: elenco, usi e proprietà

Sono antiche e curative, ma non sempre le spezie in cucina vengono...

Quali salumi mangiare d’estate e come?

Spesso si tende a demonizzare i salumi, soprattutto d’estate, perché si ritiene...

Lascia un commento

campi obbligatori *

Olio d’oliva: origini e storia dell’“oro verde”

Spezie in cucina: elenco, usi e proprietà

Quali salumi mangiare d’estate e come?

Qual è il pane “migliore”?

Succo di bergamotto: meglio puro o diluito? I dosaggi consigliati

Aperitivo fai da te: ecco come sorprendere tutti a casa

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

ARTIGIANO IN FIERA

Magazine

Ottieni ora uno

SCONTO DEL 10%

Copia questo codice ed utilizzalo al tuo
prossimo acquisto: BENVENUTO10M