Blog Post

Pasta secca e pasta fresca: come si legge l’etichetta

Pasta secca e pasta fresca etichetta

L’Italia è il Paese primo produttore e primo esportatore di pasta e ne è anche il principale consumatore, visto che un italiano mangia in media 27 kg di pasta all’anno, mentre gli altri europei ne mangiano 6 kg. Ci sono diversi tipi di pasta, ma la prima distinzione da fare è quella tra pasta secca e pasta fresca e tra di esse cambia l’etichetta. Vediamone le particolarità.

L’etichetta della pasta secca

Etichetta pasta secca

Le informazioni obbligatorie che devono essere presenti nell’etichetta della pasta secca sono quelle relative al produttore e/o confezionatore, il numero di lotto, la tabella nutrizionale e il termine minimo di conservazione, che può essere indicato solo con il mese e l’anno e non con una data precisa, poiché si tratta di un prodotto che si può conservare per più di 18 mesi.

Per quanto riguarda gli ingredienti, per la pasta di semola di grano duro di solito l’unico altro ingrediente è l’acqua e per legge non può contenere additivi e la farina di grano tenero è presente solo in prodotti destinati all’esportazione. Di solito si usa solo grano duro o semola di grano duro o al massimo semolato di grano duro, ottenuto dalla macinazione della semola e dunque più fine.

La pasta integrale è ottenuta dalla trafilazione, laminazione ed essiccamento di impasto preparato esclusivamente con semola integrale di grano duro e acqua. Invece la pasta senza glutine è quella ottenuta con farine di mais e di riso e in questo caso sono ammessi additivi chimici, in particolare l’E471, i mono e digliceridi degli acidi grassi e degli emulsionanti.

Un altro tipo di pasta è quella di grano Khorasan il cui nome commerciale e più noto è Kamut, che è un marchio registrato da un’azienda americana del Montana di un coltivatore che si chiama Bob Quinn. In realtà questa farina non è né più digeribile, né più sana della semola di grano duro, dal punto di vista nutrizionale è identica.

Per quanto riguarda invece la pasta funzionale contro il colesterolo, essa è addizionata di beta-glucani, che si trovano nella crusca dei chicchi di orzo e avena. Questa indicazione deve essere presente sull’etichetta.

L’etichetta della pasta fresca

Etichetta pasta fresca

Per la pasta fresca all’uovo, sfusa o confezionata, la quantità di uova o di ovoprodotto deve essere almeno del 20% perché la legge vuole che il peso complessivo dell’uovo nella pasta che porta questa denominazione non possa essere inferiore a 200 g per ogni chilogrammo di semola. Sull’etichetta deve esserci la denominazione di vendita “Pasta all’uovo” e la lista degli ingredienti, quindi il tipo di farina, la percentuale di uova o di ovoprodotto, la specificazione sulla presenza di glutine e la data di scadenza.

Anche sulla confezione della pasta ripiena deve essere indicata la denominazione di vendita, che può contenere il nome dell’ingrediente principale (per esempio “tortellini ricotta e spinaci”) e deve essere specificata, nella lista degli ingredienti, la percentuale dei singoli ingredienti.

Tra le altre indicazioni che possono essere presenti sull’etichetta ci sono le eventuali raccomandazioni per gli intolleranti, e in particolare la dicitura su particolari tipi di sostanze usate nello stabilimento in cui è prodotta e confezionata la carne (es. “Prodotta in uno stabilimento che utilizza frutta in guscio), le modalità di conservazione (es. “Conservare in frigo dopo l’apertura e consumare entro due giorni”) e la precisazione “confezionata in atmosfera protettiva” che significa che la conservabilità è stata aiutata con l’utilizzo di gas autorizzati.

 

Articoli correlati

Articoli correlati

Tutte le proprietà del succo di bergamotto

Succo di bergamotto proprietà: oltre a essere un’ottima soluzione per la spremuta...

Come profumare la casa al naturale

Come profumare la casa con rimedi naturali evitando di usare prodotti chimici...

Sei regali di Natale artigianali per fare bella figura

Non è sempre facile indovinare il regalo di Natale più giusto per...

Lascia un commento

campi obbligatori *

I segreti della Calabria, patria del bergamotto: la bellissima punta dello “Stivale”

Amari digestivi, un classico fine pasto

Tutte le proprietà del succo di bergamotto

I migliori dolci di Pasqua artigianali, e qualche chicca inaspettata

Mente sana in corpo sano

Lisola: la biancheria che sognavamo

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

ARTIGIANO IN FIERA

Magazine

Ottieni ora uno

SCONTO DEL 10%

Copia questo codice ed utilizzalo al tuo
prossimo acquisto: BENVENUTO10M