Blog Post

Biscotti della fortuna: la ricetta per prepararli a casa

Biscotti della fortuna fatti in casa

I biscotti della fortuna, che vengono solitamente serviti a fine pasto nei ristoranti cinesi, possono diventare un divertente gioco da fare a casa con gli amici, magari nascondendo dentro gli indizi di una caccia al tesoro durante un tea party, frasi da completare o barzellette, o semplicemente frasi affettuose per i propri cari. Il bello del poterli preparare a casa, insomma, è che dentro ci si può mettere un biglietto personalizzato, scrivendo quello che vogliamo.

Biscotti della fortuna: come farli a casa

Vediamo come preparare a casa una dozzina di biscotti della fortuna.
Ingredienti:
30 g di farina 00
50 g di zucchero
20 ml di olio extravergine d’oliva
1 uovo (solo l’albume)
Amido di mais
Estratto di vaniglia
Sale

Preparazione:
Per prima cosa occorre mettere in una ciotola l’albume, l’estratto di vaniglia, un pizzico di sale e, per chi lo gusta, anche un po’ di estratto di mandorla. Si monta tutto con le fruste, poi, a metà lavoro si aggiunge l’olio e si continua a montare. In un’altra ciotola, invece, si prepara un composto con farina, amido di mais e zucchero setacciati che, una volta uniti per bene, vanno aggiunti al primo composto. Ai due composti uniti e amalgamati si aggiungono tre cucchiaini d’acqua e lavorare tutto per ottenere una pastella liscia e semiliquida.

La pastella deve essere messa in una teglia foderata con carta da forno e deve assumere una forma perfettamente circolare. Per farlo, si può disegnare da un lato della carta da forno due cerchi perfetti distanziati di qualche centimetro (ci si può servire di un coppapasta o un coperchio). La carta va poi girata, in modo che l’inchiostro non sia a contatto con la pastella, ma tanto, essendo semitrasparente si vedranno bene i contorni. Con un cucchiaio si spalma la pastella in modo da farle prendere la forma di un cerchio.

Il consiglio è di infornare due biscotti per volta, quindi due dischi di pastella. Prima li si mette in forno a 190° C per cinque minuti, togliendoli appena i bordi cominciano a diventare scuri. Nel frattempo si preparano i bigliettini da inserire nei biscotti e li si arrotola o li si piega in modo che la parte scritta sia all’interno. Una volta tolti i biscotti dal forno, si mette il bigliettino al centro del disco, si chiude il disco a metà, ma senza piegarlo troppo per non farlo spezzare, poi lo si pinza con le dita in alto e al centro per sigillarlo. La parte panciuta del biscotto va poggiata sul bordo di una tazza, leggermente piegata, in modo da dargli quella sua particolare forma a boomerang. Lo si lascia poi raffreddare in uno stampino da muffin. Si ripete questa operazione per ogni biscotto. Ci vuole un po’ di pazienza, ma il risultato sarà certamente molto soddisfacente.

Come gustare al meglio i biscotti della fortuna

I biscotti della fortuna si possono servire come accade nei ristoranti cinesi una volta terminata la cena o il pranzo, ma si possono anche preparare in occasione di un tè o una tisana pomeridiana con le amiche. Nel negozio di Artimondo dedicato a queste bevande si possono trovare numerose proposte da provare come questo tè verde Sencha con calendula e fiordaliso, un infuso artigianale ecobio 100% naturale, preparato utilizzando solo ingredienti da agricoltura BIO. Grazie alla sua miscela (il tè verde Sencha è una varietà pregiatissima tipica del Giappone) possiamo gustare una bevanda salutare, ottima sia calda sia fredda. Prepararla è davvero molto semplice: basta versare 2 o 3 cucchiaini di prodotto per ogni tazza, aggiungere acqua calda (riscaldata fino ad ebollizione e fatta raffreddare qualche secondo per non bruciare le foglie) e lasciare in infusione per 5-8 minuti. Trascorso questo tempo possiamo filtrare il tutto e sorseggiare per un momento di vero relax.

 

Articoli correlati

Articoli correlati

Risotto alla birra: con lo speck e ai funghi. Due ricette facili

Il risotto alla birra è un primo piatto dalla preparazione semplice e...

Lebkuchen, i biscotti di Natale altoatesini: tutto il gusto della tradizione

Ogni regione italiana ha i suoi dolci tradizionali di Natale: da un...

Pasta alla carbonara: pancetta o guanciale?

È un dilemma per tutti gli amanti (e non) della cucina e...

Lascia un commento

campi obbligatori *

I migliori dolci di Pasqua artigianali, e qualche chicca inaspettata

Mente sana in corpo sano

Lisola: la biancheria che sognavamo

ARTIGIANO IN FIERA 2023 BIOLOGICO, VEGANO, SENZA GLUTINE E I PRODOTTI DELLO STARE BENE

Come profumare la casa al naturale

Risotto alla birra: con lo speck e ai funghi. Due ricette facili

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

ARTIGIANO IN FIERA

Magazine

Ottieni ora uno

SCONTO DEL 10%

Copia questo codice ed utilizzalo al tuo
prossimo acquisto: BENVENUTO10M