Blog Post

C’è differenza tra verdura e ortaggio?

verdura e ortaggio

Verdura e ortaggio sono sinonimi oppure i significati attribuibili a questi due termini non sono proprio identici? Forse parte della confusione che talvolta si genera intorno al binomio dicotomico verdura-ortaggio è data dal fatto che in ambito culinario e organolettico si parla sempre di verdure e praticamente mai di ortaggi.

Se la parola ortaggio si riferisce a tutti i prodotti coltivati nell’orto, la parola verdura indica invece le parti della pianta utilizzate nell’alimentazione umana, vegetali che possono essere presenti allo stato selvatico o derivare da coltivazioni.

Verdura e ortaggio sono quindi due modi diversi, due termini differenti, per indicare in sostanza la stessa cosa se si guarda la questione da questo punto di vista. Proviamo a fare maggiore chiarezza sulla differenza terminologica esistente tra verdura e ortaggio, vedendo successivamente come possono essere classificati i vari tipi di ortaggi.

Verdura e ortaggio

Con il termine verdura si fa riferimento alle parti di un vegetale, come detto sia coltivato sia selvatico, commestibili: dalle radici al gambo o fusto fino alle foglie e ai germogli. Parti da consumare crude oppure dopo la cottura. Il radicchio o la rucola selvatici ad esempio sono definibili come “verdura” in senso stretto.

A livello nutrizionale le verdure contengono soprattutto acqua, dal 75 al 95%, pochi carboidrati e pochi lipidi. Anche l’apporto di proteine non è rilevante mentre è buono l’apporto di sali minerali, vitamine (A, E,C) e fibra alimentare che oltre ad avere potere saziante agisce positivamente contro i disturbi dell’apparato gastrointestinale.

Le verdure sono dunque ipocaloriche e idratanti, sazianti e diuretico-depurative, indicate soprattutto per chi segue regimi dietetici improntati alla perdita di peso. A proposito di proprietà delle verdure, quelle verdi sono più ricche di fibre, quelle gialle-rosse di antiossidanti naturali.

Con il termine ortaggio si intende invece in senso stretto tutta la vasta gamma dei prodotti dell’orto, quindi vegetali soggetti a coltivazione: radici, piante e foglie ma anche semi e frutti. Quanto detto a proposito della composizione chimica e delle calorie delle verdure vale ovviamente per gli ortaggi: ipocalorici, contengono un’elevata quantità di acqua, vitamine e minerali. Decisamente scarso è invece l’apporto proteico e di grassi.

La vera differenza tra verdura e ortaggio può essere ascritta piuttosto al tipo di produzione, che può essere domestico-artigianale, biologico o su larga scala-industriale, e quindi alla conseguente modalità di conservazione dei prodotti ricavati dalla terra. Ad esempio le verdure coltivate a livello industriale per la commercializzazione, sottoposte a uno stringente disciplinare di produzione, finiscono in catene di conservazione e filiere commerciali spesso lunghe con relativa perdita delle proprietà vitaminiche e più in genere nutrizionali dei prodotti. Invece gli ortaggi casalinghi (ottenuti piantando semi di ortaggi in un orto vero e proprio oppure in vasi molto capienti), o portati al mercato dal contadino di fiducia, non sono soggetti a questo tipo di problema. C’è poi una ulteriore differenza: a livello di prezzi gli ortaggi biologici hanno un costo maggiore rispetto a quelli non biologici (per via dei costi di produzione più alti e delle rese minori).

Tipi di ortaggi

Fatta la differenza tra verdura e ortaggio, distinguiamo gli ortaggi in tre grandi “famiglie”. Fanno parte del bouquet di ortaggi, a seconda della parte della pianta usata, ortaggi da fiore, ortaggi da frutto, ortaggi da seme, ortaggi da radice, ortaggi da fusto, ortaggi da foglia, ortaggi da tubero e da bulbo. Gli ortaggi da fiore sono ad esempio i carciofi e gli asparagi, quelli da frutto melanzane, pomodori, cetrioli e zucchine.

Con il termine ortaggi da seme vengono indicati i legumi; gli ortaggi da radice sono invece i ravanelli, quelli da fusto comprendono finocchi e sedano, gli ortaggi da foglia sono bieta, cavoli e lattuga, quelli da tubero le patate e quelli da bulbo aglio, scalogno e cipolla.

In ogni caso sia gli ortaggi che le verdure sono tra i grandi protagonisti dello shop online di Artigiano in Fiera in cui gli espositori promuovono tutto l’anno i propri prodotti, conservati sott’olio o sott’aceto (ideali per l’aperitivo o per una cena gourmet). Un esempio? La caponata, un prodotto tipico della tradizione culinaria siciliana preparato con sette verdure tagliate a mano e cotte ciascuna separatamente (peperoni, sedano, cipolle, carote, olive nere e verdi, pomodorini secchi, capperi). Questo metodo di preparazione consente di bilanciare i sapori e creare un gusto omogeneo.

 

Articoli correlati

Articoli correlati

Tutte le proprietà del succo di bergamotto

Succo di bergamotto proprietà: oltre a essere un’ottima soluzione per la spremuta...

Come profumare la casa al naturale

Come profumare la casa con rimedi naturali evitando di usare prodotti chimici...

Sei regali di Natale artigianali per fare bella figura

Non è sempre facile indovinare il regalo di Natale più giusto per...

Lascia un commento

campi obbligatori *

I segreti della Calabria, patria del bergamotto: la bellissima punta dello “Stivale”

Amari digestivi, un classico fine pasto

Tutte le proprietà del succo di bergamotto

I migliori dolci di Pasqua artigianali, e qualche chicca inaspettata

Mente sana in corpo sano

Lisola: la biancheria che sognavamo

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

ARTIGIANO IN FIERA

Magazine

Ottieni ora uno

SCONTO DEL 10%

Copia questo codice ed utilizzalo al tuo
prossimo acquisto: BENVENUTO10M