Blog Post

Limone e lime, agrumi cugini: analogie differenze

limone e lime

Limone e lime sono due agrumi appartenenti alla stessa famiglia (Rutacee) con diverse affinità e qualche importante differenza. Con il termine limone (citrus limon) si indica sia l’albero che il frutto che ne deriva. La pianta di limone secondo alcuni studi sarebbe nata da un antichissimo ibrido tra il cedro e il pomelo, anche se da secoli il limone è una specie autonoma che si riproduce per talea e innesto.

La limetta, Citrus aurantiifolia, conosciuta soprattutto come lime, è l’albero che dà il nome ai suoi frutti piccoli, dalla buccia sottile, che solitamente vengono raccolti ancora verdi quando sono più succosi. La limetta si differenzia da tutti gli altri Citrus (che sono piante subtropicali) per preferire il clima tropicale, è infatti l’unica pianta del suo genere praticamente sconosciuta nell’area del Mar Mediterraneo, fatta eccezione per l’Egitto. Grandi esportatori di lime sono Brasile e Messico.

Se fate un giro sull’e-commerce di Artigiano in Fiera – il negozio online dedicato ai migliori prodotti artigianali d’Italia e non solo – trovate numerosi prodotti artigianali a base di questi agrumi.

 

Limone e lime: caratteristiche e valori nutrizionali

Limone e lime sono diversi in primo luogo nell’aspetto. Entrambi possono avere la forma ovale o tondeggiante ma il limone è giallo e più grande del lime che ha il caratteristico colore verde (che tende al giallo-quasi arancio se si lascia maturare sull’albero perdendo però in succosità). La polpa del lime contiene sino al 6% di acido citrico, è dunque molto agra e profumatissima.

Il lime è però meno ricco di vitamina C rispetto al limone, ciò non toglie che abbia comunque importanti proprietà antiossidanti. Il sapore del limone è più acidulo di quello del lime che è invece più aspro. Insomma potremmo dire che il limone, contenendo più zuccheri, è più dolce del lime, il cui succo ha un’acidità maggiore rispetto al succo di limone.

Per quanto riguarda i valori nutrizionali, limone e lime apportano entrambi, per ogni 100 grammi, qualcosa come 30 calorie, 2,8 grammi di fibre alimentari e la stessa quantità di vitamina B9 (acido folico). Il frutto della limetta ha leggermente meno proteine del limone e più carboidrati, ma la differenza è appunto minima. Il lime ha però oltre il doppio della vitamina A del frutto “cugino”.

Tra limone e lime a fare davvero la differenza è l’apporto di vitamina C. Il limone ha infatti quasi il doppio di vitamina C rispetto al lime. 100 grammi di limone contengono circa 53 milligrammi di vitamina C, in 100 grammi di lime ce ne sono 29 milligrammi.

 

Prezzo lime e prezzo limoni

Il prezzo dei limoni al kg si aggira intorno a 2,40 euro (varia in base alla provenienza e al tipo di produzione, ovviamente i limoni bio costano di più considerando i costi più alti di produzione). Il prezzo dei lime è leggermente più alto: siamo intorno ai 2,70 euro (anche in questo caso tutto dipende dalla provenienza e dal tipo di produzione).

 

Lime e limone: usi e benefici

Limone e lime oltre che nei valori nutrizionali (fatta eccezione per le percentuali di vitamina C e A) apportano benefici all’organismo umano molto simili. Gli usi terapeutici del limone affondano in una storia millenaria. Senza scomodare gli antichi greci, ricordiamo che, in epoche molto più recenti, il medico scozzese James Lind scoprì nel 1747 che lo scorbuto era dovuto alla carenza di vitamina C, patologia che quindi venne successivamente prevenuta e curata con il succo di limone (e arance).

La vitamina C com’è noto ha riconosciuti poteri antiossidanti e rafforza le difese immunitarie. Le vitamine del gruppo B sono poi un importante alleato del sistema nervoso. E ancora i sali minerali contenuti nei due agrumi, potassio e magnesio soprattutto, tonificano l’organismo e contrastano i cali di forma, mentre i flavonoidi proteggono dalle infezioni.

Il succo di limone e quello di lime possono essere impiegati per la cura della pelle, per renderla brillante e protetta al tempo stesso. Inoltre agevolano naturalmente la digestione aumentando la secrezione di succhi gastrici, acidi e bile, grazie alla presenza dell’acido citrico.

Inoltre l’assunzione di limone oppure di lime durante i pasti aiuta ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue. Limone e lime sono quindi agrumi che sprizzano salute e da cui si ricava anche l’olio essenziale, impiegato principalmente per la produzione di bibite analcoliche (come i succhi di frutta, l’offerta presente su Artimondo è tutta da scoprire) ma anche in cosmesi.

Raramente vengono consumati come frutto fresco, ma sono usati in cucina (più il primo che il secondo) per aromatizzare, ad esempio secondi piatti a base di pesce, frutti di mare o macedonie di frutta fresca. Con lime e limone si fanno poi marmellate e confetture oltreché succhi di frutta. Il succo del lime viene anche utilizzato per preparare alcuni noti cocktail, come l’esotico Daiquiri, mentre con la scorza del limone si fa il liquore Limoncello che dalla Campania ha conquistato il mondo (per questo tipo di produzione vengono utilizzati soprattutto i limoni di Amalfi).

 

Olio essenziale di limone

Sull’e-commerce di Artigiano in Fiera non mancano prodotti contenento olio essenziale di limone, scelti tra le migliori produzioni artigianali italiane. L’olio essenziale è un toccasana per la memoria e la concentrazione, ha un profumo fresco e proprietà calmanti, antisettiche, tonificanti, depurative e antinfiammatorie.

 

Limetta messicana, usi

La limetta messicana viene solitamente utilizzata per dare un tocco agrumato ai piatti della tradizione locale, dai secondi di carne ai dolci. È un ingrediente indispensabile nella preparazione della guacamole, la gustosa salsa a base di avocado e spezie.

 

Articoli correlati

Articoli correlati

Olio d’oliva: origini e storia dell’“oro verde”

Conosci le origini dell’olio d’oliva? L’olio d’oliva è un’eccellenza italiana riconosciuta in...

Spezie in cucina: elenco, usi e proprietà

Sono antiche e curative, ma non sempre le spezie in cucina vengono...

Quali salumi mangiare d’estate e come?

Spesso si tende a demonizzare i salumi, soprattutto d’estate, perché si ritiene...

Lascia un commento

campi obbligatori *

Olio d’oliva: origini e storia dell’“oro verde”

Spezie in cucina: elenco, usi e proprietà

Quali salumi mangiare d’estate e come?

Qual è il pane “migliore”?

Succo di bergamotto: meglio puro o diluito? I dosaggi consigliati

Aperitivo fai da te: ecco come sorprendere tutti a casa

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

ARTIGIANO IN FIERA

Magazine

Ottieni ora uno

SCONTO DEL 10%

Copia questo codice ed utilizzalo al tuo
prossimo acquisto: BENVENUTO10M