Blog Post

Arabica | Glossario dell’artigianato

Arabica:

caffè arabica

l’Arabica (Coffea arabica) è una delle due specie di caffè più diffuse in commercio insieme alla qualità Robusta (Coffea canephora). La pianta del caffè è un arbusto sempreverde della famiglia delle Rubiacee. Il genere Coffea comprende al suo interno una novantina di specie, ma solo alcune vengono coltivate per produrre il caffè, bevanda dai noti effetti stimolanti grazie alla presenza dell’alcaloide caffeina o teina.

In 100 grammi di caffè sono contenute appena 2 calorie (una caloria in una tazzina) e la pianta allo stato puro contiene anche buone quantità di antiossidanti che la lavorazione distrugge però quasi al 90%. In 100 ml di caffè sono presenti circa 250 mg di acido clorogenico, dalla riconosciuta azione antiossidante. I chicchi del caffè che vengono tostati e macinati altro non sono che i semi della pianta che si trovano all’interno del frutto.

Caffè arabica: caratteristiche

L’arabica – dalle foglie verde scuro, dai fiori bianchi e dalle drupe rosse – è qualità di caffè più coltivata al mondo. Le migliori qualità crescono a partire dai 900 metri per arrivare a quote anche di 2000-2500 metri.

La miscela arabica è considerata più pregiata della Robusta, cosa che è facilmente riscontrabile anche dal prezzo. Il chicco di Arabica ha una forma ovale e allungata, quasi piatta, a differenza di quello della qualità Robusta che è tondeggiante e meno sinuoso. Il caffè arabica ha un contenuto di caffeina che può andare dallo 0,9% all’1,7%, circa la metà della qualità Robusta.

I due tipi di pianta sono diversi innanzitutto a livello genetico con l’Arabica che ha 44 cromosomi, contro i 22 della qualità Robusta. Il caffè arabica ha un profumo intenso e un gusto rotondo, solo leggermente amaro, con note di caramello e venature di cioccolato. Le migliori qualità di Arabica sono molto aromatiche. La qualità Robusta invece produce un caffè meno dolce e più corposo.

Il caffè arabica è quindi più delicato e meno amaro di un caffè fatto con la miscela Robusta che è anche più forte, contenendo più caffeina. Le coltivazioni di Arabica occupano vasti territori dell’Africa orientale, soprattutto in Etiopia, di cui l’Arabica è originaria, e Kenya, ma anche del Sud e del Centro America.

La qualità Robusta cresce bene anche a quote molto basse e come dice il nome stesso è un tipo di pianta più resistente dell’Arabica. La Robusta viene coltivata soprattutto in Africa occidentale e in Estremo Oriente, abbisogna di meno pioggia, è meno sensibile all’umidità e meno soggetta a malattie.

In generale si può dire che sia la Arabica sia la Robusta crescano in Paesi dal clima tropicale con temperature che variano tra i 15 e i 25 gradi. Il clima ideale per lo sviluppo delle piante, che possono raggiungere i 10 metri di altezza, è quello caldo-umido (rigorosamente al riparo da freddo e vento) dove le abbondanti piogge – che favoriscono la fioritura e la fruttificazione – sono intervallate da stagioni secche.


Glossario dell’artigianato | Indice

 

Articoli correlati

Articoli correlati

Agrumi | Glossario dell’artigianato

Agrumi: Gli agrumi, con i loro colori, sapori e profumi, hanno un...

Aglio | Glossario dell’artigianato

Aglio: con il termine aglio si intende solitamente l’Allium sativum, che si...

Bio (biologico) | Glossario dell’artigianato

Bio (biologico): Con il termine bio (biologico) si intende solitamente quella tecnica...

Lascia un commento

campi obbligatori *

I segreti della Calabria, patria del bergamotto: la bellissima punta dello “Stivale”

Amari digestivi, un classico fine pasto

Tutte le proprietà del succo di bergamotto

I migliori dolci di Pasqua artigianali, e qualche chicca inaspettata

Mente sana in corpo sano

Lisola: la biancheria che sognavamo

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

ARTIGIANO IN FIERA

Magazine

Ottieni ora uno

SCONTO DEL 10%

Copia questo codice ed utilizzalo al tuo
prossimo acquisto: BENVENUTO10M