Blog Post

Tiramisù: la ricetta originale e i trucchi per prepararlo al meglio

Tiramisù ricetta originale

Il Tiramisù è considerato in tutto il mondo uno dei più famosi dolci italiani. La sua origine è molto incerta, sebbene sia piuttosto moderno. Scopriamone i segreti.

Le origini incerte del Tiramisù

Il Tiramisù, così come lo intendiamo oggi, ossia con i classici ingredienti (savoiardi, caffè, zucchero, uova e mascarpone), è nato molto probabilmente tra gli anni ’60 e gli anni ’70 del ‘900, perché la prima volta che è stato menzionato nel dizionario è nel 1980 e poi negli anni successivi se ne è parlato in alcuni libri di cucina.

Ci sono delle leggende che lo vorrebbero risalente addirittura al tempo di Cosimo III de’ Medici, ossia tra la fine del ‘600 e l’inizio del ‘700, ma in realtà è altamente improbabile, perché il mascarpone è un formaggio che in quel periodo non si poteva conservare e poi è tipico della Lombardia ed è difficile che in Toscana lo usassero. Probabilmente si trattava di qualche dolce simile al Tiramisù, ma ancora lontano dal dolce che conosciamo oggi.

Non si sa bene chi lo abbia inventato, né dove. Se ne contendono l’origine soprattutto il Veneto e il Friuli-Venezia Giulia. È possibile che le prime volte sia stato preparato in alcuni ristoranti di Treviso, forse come imitazione di altri dolci stranieri, come la zuppa inglese, la charlotte o alcuni dolci asburgici. Il nome Tiramisù, però, dovrebbe provenire proprio dal veneto “Tiramesù” e poi italianizzato.

Il significato del nome dovrebbe essere dovuto alle capacità ristoratrici di questo dolce, grazie ai suoi ingredienti. C’è chi dice che venisse dato agli studenti prima di un esame e chi, invece, sottolineando i potenziali effetti afrodisiaci (di cui parla anche il noto pasticcere Iginio Massari), ritiene che sia stato creato negli anni ’30 in una casa di tolleranza del centro di Treviso e veniva servito per ristorarsi dopo la “prestazione”.

Il fatto che il Tiramisù abbia effettivamente la capacità di dare più energia è evidente, basta leggere la lista degli ingredienti, che comprendono il caffè e i tuorli d’uovo sbattuti con lo zucchero, classica colazione che molte nonne propinavano ai loro nipoti.

Acquisto ingredienti Tiramisù

Per gustare il tiramisù lo si può acquistare in pasticceria (dove il prezzo del tiramisù varia in base al peso) oppure lo si può preparare in casa. Per l’acquisto degli ingredienti per un tiramisù davvero goloso vi suggeriamo di dare un’occhiata all’e-commerce di Artigiano In Fiera, dove potete trovare i savoiardi artigianali, il caffè e un ampio assortimento di liquori (che come vedremo si possono aggiungere agli ingredienti base).

Come si fa il Tiramisù: la ricetta classica

Tiramisù ingredienti trucchi e segreti

Gli ingredienti necessari per preparare un Tiramisù per 4-6 persone sono:

– 500 g di mascarpone
– 4 uova (separando i tuorli dagli albumi)
– 100 g di zucchero
– 300 g di savoiardi
– cacao amaro in polvere
– 300 g di caffè già zuccherato (fatto con la moka o espresso)

Preparazione – Si comincia prendendo le uova e separando i tuorli dagli albumi e sbattendo i primi con lo zucchero, ottenendo un composto spumoso al quale poi va aggiunto il mascarpone. Il tutto deve essere amalgamato fino a ottenere una crema omogenea. Si prepara il caffè con la moka o con la macchinetta per l’espresso e lo si lascia raffreddare.

Arriva il momento di assemblare il dolce: occorre bagnare i savoiardi nel caffè da entrambi i lati e adagiarli in una pirofila, uno affianco all’altro, poi si versa uno strato di crema e si fa un altro strato di savoiardi. Si fanno tanti strati quanti ne servono per finire gli ingredienti (due strati è l’ideale), ricordando che l’ultimo strato deve essere di crema. Si aggiunge il cacao in polvere setacciato per spolverizzare la superficie. Fate riposare in frigorifero per due-tre ore prima di servirlo.

Tiramisù con liquore

Se il Tiramisù è destinato a buongustai adulti e non a bambini, si può aggiungere del liquore. Nella ricetta classica non è previsto, ma quella con questo ingrediente in più è una delle versioni più amate e diffuse. Viene usato soprattutto il Marsala.

Qualche trucco per un risultato perfetto

Se non siete sicuri che le uova siano fresche, pastorizzatele: vi basta sbattere i tuorli con zucchero e marsala e far scaldare la crema a bagnomaria fino a 82°C (o fino a quando vela il cucchiaio). Durante la cottura mescolate velocemente per non farlo rapprendere. Poi lasciatela raffreddare prima di aggiungerla al mascarpone.
✔ Nella ricetta classica non servono gli albumi d’uovo, ma per rendere il Tiramisù ancora più buono potete montarli a neve con lo zucchero e poi aggiungere un paio di cucchiai al resto della crema, mescolando energicamente per stemperare il composto (si consiglia di usare una spatola). Poi aggiungete il resto degli album montati poco a poco, mescolando piano dal basso verso l’alto. Questo passaggio è consigliato soprattutto se preparate il Tiramisù da servire come dolce in un bicchiere.
✔ Ricordate che il caffè da usare deve essere freddo. Meglio se espresso, vi tirerà ancora più su!
✔ I savoiardi vanno bagnati su entrambi i lati e questa operazione va fatta velocemente, altrimenti, se si bagnano troppo, si spappolano.
✔ Per un risultato ottimale, aggiungete il mascarpone al composto con uova e zucchero mentre tenete le fruste elettriche ancora in funzione, in modo da ottenere una crema densa e compatta.
✔ Il Tiramisù si può conservare in frigorifero, ben coperto, per un paio di giorni, ma si può anche congelare in frigo fino a un massimo di due settimane.
✔ Nella crema potete aggiungere anche delle scaglie di cioccolato fondente.
✔ Del Tiramisù ci sono infinite varianti, provate quella del tiramisù alla fragola, quello natalizio a forma di tronchetto o il birramisù.

 

Articoli correlati

Articoli correlati

Risotto alla birra: con lo speck e ai funghi. Due ricette facili

Il risotto alla birra è un primo piatto dalla preparazione semplice e...

Lebkuchen, i biscotti di Natale altoatesini: tutto il gusto della tradizione

Ogni regione italiana ha i suoi dolci tradizionali di Natale: da un...

Pasta alla carbonara: pancetta o guanciale?

È un dilemma per tutti gli amanti (e non) della cucina e...

Lascia un commento

campi obbligatori *

I migliori dolci di Pasqua artigianali, e qualche chicca inaspettata

Mente sana in corpo sano

Lisola: la biancheria che sognavamo

ARTIGIANO IN FIERA 2023 BIOLOGICO, VEGANO, SENZA GLUTINE E I PRODOTTI DELLO STARE BENE

Come profumare la casa al naturale

Risotto alla birra: con lo speck e ai funghi. Due ricette facili

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

ARTIGIANO IN FIERA

Magazine

Ottieni ora uno

SCONTO DEL 10%

Copia questo codice ed utilizzalo al tuo
prossimo acquisto: BENVENUTO10M